“Pur essendo una ragazza di non ancora vent’anni, Sophie Pacini è già uno dei più grandi talenti della sua generazione. La contraddistingue un pianismo di enorme carica persuasiva, nel quale mette a frutto un virtuosismo, una curiosità e una profondità conoscitiva che vanno oltre i confini del puro dettato musicale. Grazie all’eccellenza del suo tocco e del suo fraseggio sa trarre dallo strumento coloriture sonore straordinariamente differenziate, che mettono capo a esibizioni di ammirevole autonomia interpretativa, di splendente trasparenza, di avvincente intensità e stringente logica musicale”, questo il giudizio con il quale la giuria della Prima rete nazionale tedesca ha motivato la decisione di assegnarle nel 2011 il prestigioso Premio “Förderpreis Deutschlandfunk”, premio che le ha reso possibile, fra l’altro, la produzione del suo ultimo CD.

Sophie Pacini è nata nel dicembre del 1991 a Monaco di Baviera (Germania). A suonare il pianoforte ha cominciato relativamente tardi, all’età di sei anni. Però, già nel 2000, fa il suo debutto con il Concerto per pianoforte e orchestra in re maggiore di Haydn.

Nel 2002 inizia gli studi come “Jungstudentin” nella classe di pianoforte di Karl-Heinz Kämmerling all’Università «Mozarteum» di Salisburgo. Nel 2004 vince uno dei posti nell’«Istituto per bambini prodigio» appena fondato dove, oltre alle lezioni di pianoforte, riceve lezioni di improvvisazione, armonia, composizione e direzione d’orchestra. Dal 2007 Sophie Pacini è nella Meisterklasse di Pavel Gililov e ottiene precocemente la laurea quadriennale con il massimo dei punti e la lode. Contemporaneamente frequenta masterclass di Dimitri Bashkirov e di Fou Ts’ong. Nel 2010 incontra Martha Argerich, che la invita a tenere un récital al «Progetto Martha Argerich» a Lugano.

La sua carriera internazionale di concertista la vede, fra l’altro, in cartellone fra gli artisti del «Kammermusikfest Lockenhaus» di Gidon Kremer, del «Deutschlandsberger Klavierfrühling» e come solista in concerti d’orchestra a Pisa, Poznán e ai «Tiroler Festspielen», nei quali esegue il concerto n.3 di Beethoven, il n.1 di Chopin e quello in la maggiore di Schumann. In una tournée di undici concerti in Germania con la «Klassische Philharmonie Bonn» diretta da Heribert Beissel ha presentato il Concerto K 595 di Mozart in sale fra le più famose: fra le altre, la «Glocke» di Brema, la «Laeiszhalle» di Amburgo, la «Beethovenhalle» di Bonn, la «Meistersingerhalle» di Norimberga, la «Liederhalle» di Stoccarda, la «Hekulessaal» di Monaco di Baviera e la «Konzerthaus» di Berlino.

Il suo debutto in Giappone è del 2012 alla «Suntory Hall» con la «Tokyo Philharmonic Orchestra» nel Concerto di Schumann. Nel corso della tournée giapponese ha suonato, inoltre, alla «Musashino Cultural Foundation-Récital Hall», alla «Bunkamura Orchard Hall» e a Nagoya, alla «Munetsugu Hall».

E sempre nel 2012 suona per la prima volta al «Klavierfestival Ruhr» e agli «Schwetzinger Festspielen».

Sophie Pacini ha vinto numerosi premi, fra i quali nel 2005 il Primo Premio con lode al «German Young-music Award» («Jugend musiziert») e nel 2009 il Primo Premio nel «Grande Concorso delle università austriache».

Il Premio «Groupe Edmond de Rothschild» ai «Sommets musicaux de Gstaad» assegnatole nel 2011 includeva la produzione di un CD con il Concerto in la minore di Schumann op. 54 e il Concerto in mi bemolle maggiore K 271 (Jeunehomme) con la «Deutsche Staatsphilharmonie Rheinland-Pfalz» diretta da Radoslaw Syulc, edito dalla casa discografica «Onyx» nel 2012.

Nel 2011 le è stato conferito il «Förderpreis Deutschlandfunk», il prestigioso premio della Radio tedesca, quale «uno dei più grandi talenti della sua generazione». La produzione di un CD legata al Premio contenente opere di Schumann di Liszt per pianoforte solo è uscita presso la casa disografica «CAvi Music» nel novembre 2012.

E nello stesso 2012 le è stato consegnato da Salvatore Accardo il Premio «Musica viva» per un giovane talento italiano del Festival «Pietrasanta in concerto», nel corso del quale ha suonato con i Cameristi del Maggio Musicale Fiorentino sotto la direzione di Michael Guttman, il Concerto «Jeunehomme» di Mozart.

Nel dicembre 2012 è una delle giovani star nel trasmissione ZDF/ARTE Stars von morgen/Stars de demain condotta da Rolando Villazón.

Nel novembre scorso ha fatto il suo debutto solistico all’ “Hekulessaal” a Monaco di Baviera e al “Konzerthaus” di Dortmund. Nel gennaio 2103 è stata invitata ad Amburgo negli studi radiotelevisivi della NDR nella serie di concerti “Podium der Jungen”.

Da ricordare, inoltre, l’invito a suonare nel corso di quest’anno a Dresda con i “Dresdner Philharmoniker” e come unica giovane pianista al “Festival di Salisburgo (Pfingstfestspiele)” con la “Camerata Salzburg” e una tournée con la “Staatsphilharmonie Rheinlad-Pfalz”, con la “Niedersächische Staatsorchester” e il suo debutto solistico alla “Tonhalle” di Zurigo.



Condividi
Copyright ©  2011-2017  Nuove Tendenze
Codice Fiscale 97361110584 - P.IVA 09009871006

Logo realizzato da Franco Avitabile