Tiramisu1

Alexis Malalan  violoncello -  Rachel Clerc flauti e voce  – Claudio Fiabane organetto diatonico e chitarra
 

Concerto2La musica è spesso fatta di incontri e di alchimie tra persone, di complicità e di complementarietà intorno ad una passione comune.

 

Noi siamo appassionati di danza e di musica, soprattutto quando queste sono radicate nella storia e nella cultura degli abitanti di una paese, di una regione, quando ci parlano della vita della gente, del loro legame con il territorio, delle loro gioie, le loro sofferenze, le loro speranze.

 

Concerto3Nel 2010 abbiamo dato vita a Tiramisù, con la voglia di esplorare e riproporre questo patrimonio tradizionale, facendo cantare i nostri strumenti e le nostre voci.

 

Il nostro repertorio è composto da temi tradizionali originari in buona parte dalle Alpi occidentali. Ci affascina osservare le similitudini tra paesi limitrofi, in questo caso Francia, Italia, Svizzera, e trovarvi una cultura e un linguaggio comuni.

 

Il trio Tiramisù propone un concerto che esplora le tradizioni di queste regioni a cavallo delle Alpi, dal mare fino in Svizzera.

Tiramisù duo (Rachel e Claudio) propone inoltre un ballo, con un repertorio proveniente da Italia, Francia, Irlanda, Scozia, Svezia.

 

RachelRachel Clerc nasce a Saint-Loup (CH) nel 1973. Comincia a suonare il flauto dolce all’età di 7 anni, coltivando una passione che non si é mai arrestata. Ha una formazione barocca al Conservatorio di Losanna (Antonio Politano) e al centro di musica antica di Ginevra (Gabriel Garrido). E’ titolare di un diploma di insegnamento e di un diploma di concerto e ha fatto dell’insegnamento del flauto dolce il suo mestiere.

In parallelo alla sua formazione accademica, si é sempre interessata alla musica tradizionale, apprendendo, come autodidatta, il whistle irlandese e la cornamusa del centro francia, suonando in diverse formazioni di musica barocca (Da Capo a pié), irlandese ( Tri Daoine) e scozzese (Loch Léman Ceilidh Band, Filidh Ruadh).

La sua esperienza e la diversità dei suoi strumenti danno a Tiramisù una bella varietà di colori sonori.

È lei che arrangia una buona parte del repertorio.

 

 

ClaudioClaudio Fiabane nasce a Savona nel 1965.

Ha una Laurea in Scienze Naturali ed é insegnante di materie scientifiche, dapprima in Italia e ora in Svizzera. E’ un appassionato esploratore di tradizioni, stili e strumenti musicali. Adolescente, segue i corsi di chitarra classica del M° Giulio Vallerga a Savona, per poi scoprire la musica tradizionale ed appassionarsi dapprima alla danza e poi all’organetto diatonico. Numerosi stage e corsi con esperti di questo strumento, tra cui Silvio Peron, Vincenzo Caglioti, Norbert Pignol, Stéphane Milleret, Simone Bottasso, Martin Coudroy. integrano il lavoro personale di ricerca e di crescita artistica.

Collabora con Rachel sia in Tiramisù, sia nella formazione Tri Daoine, che si dedica all’Irlanda, alla Scozia e alle Isole Shetland. A Tiramisù apporta la sua conoscenza della musica tradizionale italiana e una certa fantasia, svincolata dai canoni accademici, negli arrangiamenti.

 

 

AlexisAlexis Malalan comincia il suo percorso musicale a 7 anni al Conservatorio di Lausanne, nella classe di Maria-José Falcão. Frequenta in seguito i corsi di Suzanne Ribicky-Varga e Denis Guy che lo iniziano al violoncello barocco.

Grafico pubblicitario di professione, non abbandona mai lo studio del violoncello e l’esplorazione di diversi repertori, praticando assiduamente la musica da camera (quartetto e sestetto a corde, trio con piano e voce, ottetto di violoncelli). Con la formazione barocca « Da capo a pié » ha l’occasione di lavorare il basso continuo e la musica d’insieme sotto la guida di Guido Morini e Marco Beasley.

Con Tiramisù scopre la musica tradizionale, vi si adatta in maniera sorprendentemente plastica e rapida e vi apporta un legante efficace e un colore originale.

 

 

terrealteTerre Alte. Il primo album di Tiramisù. Un’ora di musica per 18 brani tradizionali, dall’Appennino settentrionale alle Alpi occidentali, fino in Svizzera.

Terre alte. La montagna, che è sempre stata area di scambio e di confronto tra culture. La montagna, che ha preservato, più che altrove, i valori umani e le specificità culturali. La montagna, che ci parla e ci richiama a lei regolarmente, per questo legame che ci porta alla natura, alle genti che la abitano e alla musica che qui risuona. Dal momento che abbiamo cominciato a suonare insieme, ci siamo resi conto che la nostra musica parla soprattutto di montagna. E della montagna ci piace rilevare il suo carattere unificatore. Le genti delle Alpi occidentali, sui due versanti, parlano occitano. Un Vallesano comunica perfettamente in patois francoprovenzale con un Valdostano. Le Quattro Province occupano diversi versanti appenninici e coprono più regioni italiane, ma esprimono un’entità culturale unica. Agli inizi della nostra avventura musicale, Rachel disse: «la prima volta che ho ascoltato una curenta della Val Varaita o ho suonato una monferrina della Val d’Aosta, mi sono sentita come a casa!». E` vero, se le frontiere politiche corrono spesso lungo i crinali, le frontiere culturali si trovano invece là dove gli ultimi corrugamenti si stemperano nelle pianure. E’ là che cambiano i dialetti, i modi di vivere e i riferimenti culturali.

 

Contatti:

tiramisu.trad@gmail.com – +41-244531229

www.tiramisutrad.ch –  www.facebook.com/tiramisutrad

estratti sonori da “Terre Alte” su: https://soundcloud.com/tiramisutrad



Condividi
Copyright ©  2011-2017  Nuove Tendenze
Codice Fiscale 97361110584 - P.IVA 09009871006

Logo realizzato da Franco Avitabile