Dopo il diploma al Conservatorio di Milano, la laurea all’Hogeschool voor de Kunsten di Utrecht e il “Master of Music in performance” presso la Royal Academy e il King’s College (Londra), ha terminato un PhD su Casella e la musica italiana del periodo nazionalista presso il Royal Holloway College – Università di Londra. Ha studiato con Keiko Wataia, Jeroon De Groot, Maurice Hasson ma tra tutti, determinanti per la sua formazione tecnica e musicale sono stati sia Yfrah Neaman – eccelso violinista e didatta, col quale Francesco aveva intrapreso un’approfondita ricerca sulla tecnica e l’interpretazione violinistica – che David Takeno, membro fondatore del leggendario Quartetto di Tokyo. Durante tutti i suoi studi all’estero Francesco ha sempre goduto della borsa di studio da parte delle Istituzioni frequentate (Università di Utrecht, Royal Academy of Music, Royal Hollowey College – Università di Londra) e dal Fondo Centrale per la Ricerca dell’Università di Londra. Ha iniziato giovanissimo una brillante ed intensa attività concertistica come solista, in duo e in trio che gli ha permesso di esibirsi in teatri e sale da concerto prestigiose in Italia ed all’estero (Svizzera, Russia, Austria, Inghilterra, Ungheria, Olanda, Francia, Perù, Turchia, Cile, Romania) collaborando con importanti associazioni musicali e società concertistiche. Vincitore e finalista di numerosi concorsi nazionali ed internazionali nelle sezioni da solista e musica da camera – si ricordano soltanto i primi premi assoluti nei concorsi: C. Vidusso e premio M. Denti, Città di Modica, Città di Stresa e i prestigiosi Connel Grabowsky Prize e Joseph Bloch Prize. E’ il violinista del trio Albatros Ensemble, formazione che ha inciso per le case discografiche Agorà e Stradivarius, registrato per la RAI, BBC e numerose emittenti private e per la quale importanti compositori come Rocco Abate, Alessandro Annunziata, Bruno Bettinelli, Luciano Chailly, Fabrizio Festa, Simone Fontanelli, Giorgio Gaslini, Antonio Iafigliola, Luca Mosca, Luca Russo, Flavio Emilio Scogna, Giorgio Colombo Taccani e Adeline Wong hanno scritto pezzi. Come solista ha collaborato con numerose orchestre italiane e straniere eseguendo anche lavori in prima assoluta di Marco Betta e Ennio Morricone. Francesco affianca all’attività concertistica quella di musicologo. Ha tenuto conferenze, letture e lezioni-concerto su Paganini, Beethoven, Brahms, Mulè nonché corsi di aggiornamento per docenti sul tema “La musica come mezzo di comunicazione”. Le sue principali aree di interesse sono la storia, l’analisi e la critica della musica italiana dell’Ottocento e Novecento. Ha presentato relazioni a conferenze internazionali e seminari tenuti presso le Università di Oxford e Cambridge, e un suo saggio sui rapporti intellettuali intercorsi tra Casella, Canudo e Stravinsky – che è stato elogiato da Richard Taruskin – sarà tra breve pubblicato sia in Italia sia negli Stati Uniti. Tiene regolarmente Master Class sul pensiero di Carl Flesch e lo sviluppo della tecnica violinistica. Tra i prossimi impegni sono previsti concerti in Sud e Nord America, Romania, Turchia oltre che in Italia per prestigiose associazioni musicali.



Condividi
Copyright ©  2011-2017  Nuove Tendenze
Codice Fiscale 97361110584 - P.IVA 09009871006

Logo realizzato da Franco Avitabile